IMG_2134.JPG

Orientata ai
giovani

Swissmem Formazione professionale Eventi Journée Swissmem 2024: orientata ai giovani

Come possiamo attirare gli studenti verso l’industria tecnologica? E come possiamo rimanere in gioco con successo come industria? La Journée Swissmem 2024 si è concentrata su come attirare degli apprendisti. Come ha dimostrato la giornata del forum di Friburgo, questo richiede che il dialogo tra le generazioni avvenga sullo stesso piano.

L’hockey club Friburgo-Gotteron sta cavalcando un’onda di successo. Il club è in testa alla classifica e per la maggior parte delle sue partite si registra il tutto esaurito. La formazione professionale di base nell’industria tecnologica non sta vivendo un’ondata simile. Il reclutamento di giovani talenti si rivela spesso difficile e le tendenze demografiche non lasciano sperare in un rapido miglioramento. Forse è proprio per questo motivo, che l’evento del 25 gennaio 2024 è stato molto apprezzato. Con 230 partecipanti, è stato registrato il tutto esaurito.

Nel suo discorso di benvenuto, il Consigliere di Stato Olivier Curty, Direttore del Dipartimento Economia e Formazione Professionale del Canton Friburgo, ha sottolineato quanto il mondo del lavoro sia attualmente in fase di cambiamento. Ha azzardato uno sguardo verso un futuro ove il lavoro flessibile e i percorsi di carriera eterogenei sono un dato di fatto, il perfezionamento professionale è continuo e l’intelligenza artificiale è integrata nel processo lavorativo in modo naturale. Tutto questo rappresenta una sfida per le aziende formatrici, che nei prossimi anni dovranno adattarsi a nuovi ambienti di lavoro e di vita.

Rendere visibili e tangibili l’industria e i suoi programmi di formazione

Nella sua presentazione Fabrice Plomb, sociologo e docente all’Università di Friburgo, ha affrontato questo nuovo mondo frammentato. Mentre in passato le carriere formative e il percorso verso il mondo degli adulti erano spesso lineari, oggi e in futuro sono spesso caratterizzate da un percorso a zig-zag. Questo è caratterizzato da occasionali spostamenti laterali verso nuovi campi professionali, ma anche da un ritorno a spirale a contenuti cognitivi già esplorati.

Per quanto riguarda l’industria tecnologica, ha riconosciuto diverse sfide. In un mondo orientato al consumo, la tecnologia sta diventando sempre meno visibile per la popolazione. Inoltre, la tecnologia viene sempre più percepita sotto forma di superfici lucide, mentre aspetti come la produzione e la funzionalità delle nuove tecnologie passano sempre più in secondo piano. Il relatore ha delineato i seguenti punti come possibili campi d’azione:

  • Gli alunni dovrebbero avere accesso interattivo alla tecnologia attraverso esperimenti e mini-progetti. Questo è particolarmente importante perché spesso a casa ci sono meno opportunità di confrontarsi con la tecnologia in modo approfondito e creativo. 
  • Le professioni non dovrebbero essere spiegate semplicemente come unità di informazioni. Piuttosto, dovrebbero essere rese tangibili e trasmesse personalmente e ad altezza d’uomo – preferibilmente dagli apprendisti – in modo che gli alunni possano associarle a possibili modelli di ruolo.
  • Il trasferimento di conoscenze nella promozione della tecnologia e nell’apprendistato non dovrebbe avvenire solo come metodo top-down in cui gli adulti trasmettono le loro conoscenze ed esperienze. Si dovrebbe invece instaurare uno scambio attivo con i giovani. Anche gli apprendisti contribuiscono alla costruzione delle conoscenze o addirittura assumono la guida di alcuni argomenti.
  • In termini di apprendimento approfondito, la tecnologia dovrebbe essere esplorata e fatta propria in modo nuovo. La prospettiva si sposta dalla pura applicazione e dalla visione del consumatore a un livello più fondamentale, in cui la tecnologia è generalmente vista come un mezzo per risolvere i problemi. Diamo la parola ai giovani.

Microfono aperto ai giovani

L’immagine di giovani meno motivati e impegnati rispetto alle generazioni precedenti è stata ribaltata nella successiva tavola rotonda. Quattro apprendisti hanno affermato chiaramente che, anche in futuro, la formazione professionale continuerà ad avere i suoi punti di forza. Rispetto ai percorsi formativi puramente scolastici, essa consente loro di essere più rapidamente autonomi, di prendere in mano la situazione e di creare qualcosa di nuovo, di instaurare un dialogo arricchente con i clienti e gli altri dipendenti – e di avere comunque ancora aperte molte strade formative.

Come hanno spiegato nelle loro dichiarazioni, il loro percorso personale verso la formazione professionale ha richiesto più volte di essere determinati. Hanno dovuto accantonare le valutazioni dei genitori, i test attitudinali e gli insegnanti per trovare la propria strada.

Hanno sottolineato l’importanza dei formatori per l’esperienza di apprendimento e la motivazione nell’apprendistato. Se c’è un «clic» tra le generazioni, il formatore può talvolta diventare un «supereroe», aprendo ai giovani prospettive completamente nuove e permettendo loro di scoprire il proprio potenziale individuale.

Promuovere la cooperazione e lo scambio

La successiva tavola rotonda con i rappresentanti dell’orientamento professionale, delle associazioni e delle aziende formatrici ha chiarito quanto sia complesso il percorso che porta dall’esplorazione degli interessi e dalla scoperta di sé degli alunni alla scelta di un settore professionale. C’è ancora del potenziale da riconoscere, in particolare nello scambio tra scuole, centri di orientamento e aziende. Una maggiore cooperazione tra i vari attori non dovrebbe essere solo orientata all’informazione, ma dovrebbe permettere di fare esperienze reali. Occorre inoltre prestare maggiore attenzione affinché un maggior numero di donne prenda in considerazione le professioni tecniche e che vengano abbattuti gli stereotipi nelle scelte di carriera.

La cultura determina l’economia

Nel suo intervento, Stefan Brupbacher, direttore di Swissmem, ha ripreso i punti di discussione delle precedenti tavole rotonde e ha sottolineato, tra le altre cose, l’importanza sociale dell’istruzione e della formazione professionale. Il suo valore deve essere evidenziato anche ai genitori provenienti da contesti culturali che non hanno familiarità con il nostro sistema educativo, ha affermato Brupbacher. È inoltre importante avere un approccio positivo al futuro. Come dimostrano gli studi storici sullo sviluppo economico a lungo termine, la cultura determina in larga misura i percorsi dello sviluppo. Un atteggiamento critico nei confronti dell’innovazione e uno scetticismo prevalente si sono manifestati anche nella stagnazione economica. È proprio per questo che ha senso concentrarsi e impegnarsi a favore dei giovani.

Le iniziative rafforzano la promozione dei giovani talenti

Quest’anno, per promuovere i giovani talenti, i workshop interattivi sono stati dedicati alle iniziative «Fascino Tecnica» e «6h de Fribourg». Per dare una solida base all’iniziativa «Fascino Tecnica», le due associazioni Swissmechanic e Swissmem hanno fondato un’organizzazione di supporto nel corso della stessa settimana. Nei prossimi anni, l’iniziativa sarà ulteriormente sviluppata in una piattaforma multiforme per il marketing delle carriere nell’industria tecnologica. Nell’ambito del workshop sono stati discussi i primi passi di implementazione nei canali digitali e sono state identificate le opportunità di cooperazione (PPT workshop).

Da parte sua, il programma «6h de Fribourg» ha mostrato come i giovani possano sviluppare nuove competenze in un’ottica di squadra ed essere incoraggiati a raggiungere le massime prestazioni. Con la loro auto a idrogeno, un team di Friburgo ha partecipato ai campionati mondiali e ha raggiunto il 6. rango. L’iniziativa dimostra in modo impressionante come lo sviluppo dei giovani possa essere promosso attraverso la cooperazione in ambito economico (in questo caso la Camera di Commercio e dell’Industria del Canton Friburgo) e la formazione (la Scuola professionale superiore di tecnologia di Friburgo).

Attualità dalla formazione professionale

Nella sua presentazione, Thomas Schumacher, responsabile di Swissmem Formazione professionale, ha parlato dei nuovi sviluppi nella promozione dei giovani talenti, che vanno dalla scuola elementare alle offerte di formazione post-apprendistato. Queste sono

  • MINT-Vaud: nuova fiera interattiva per alunni di età compresa tra gli 8 e i 12 anni. Il programma sensibilizza gli alunni al mondo della tecnologia e offre loro l’opportunità di toccare con mano.
    Data: 26 febbraio – 3 marzo 2024
    Ulteriori informazioni:
    www.mint-vaud.ch
  • Lezioni di tecnologia: materiali didattici per lezioni di tecnologia a livello di scuola elementare.
    Ulteriori informazioni. www.explore-it.org
  • Marketing di carriera: con la fondazione dell’associazione «Fascino Tecnica», Swissmem e Swissmechanic hanno riaffermato il loro impegno comune e posto le basi per ulteriori misure di marketing.
    Ulteriori informazioni. www.faszination-technik.ch
  • Revisione professionale Futuremem: la revisione delle professioni tecniche nell’industria tecnologica è attualmente il più grande progetto di questo tipo nella formazione professionale di base in Svizzera.
    Ulteriori informazioni. www.futuremem.swiss
  • MovMEM: il progetto consente agli apprendisti e a quelli diplomati di fare una prima esperienza in un ambiente di lavoro in lingua straniera durante o dopo l’apprendistato. Questo può avvenire con movMEM a livello nazionale in Svizzera o all’estero con movMEM international.
    Ulteriori informazioni. www.swissmem-berufsbildung.ch/movmem

Portate con voi l’entusiasmo

Alla fine della giornata, Julien Sprunger ha offerto una panoramica della sua carriera di successo, da giovane talento ambizioso a team-leader di successo. Il capitano dell’EHC Fribourg-Gottéron ha raccontato in modo impressionante come da giovane abbia ricevuto un sostegno mirato e sia riuscito a combinare la sua passione per l’hockey con un apprendistato come sportivo. Per lui, le sfide che le squadre devono affrontare nel mondo dello sport sono paragonabili a quelle che si incontrano nel mondo economico. Per questo motivo immagina che in futuro vi sia un maggiore scambio con le aziende. Per il momento, tuttavia, si tratta solo di rimanere in testa al gioco e di puntare al campionato.

Save-the-Date 2025: ospite nel Canton Neuchâtel

Infine, dalla discussione Olivier Habegger, responsabile di Swissmem Formazione professionale Romandia, ha raccolto il disco. Lo ha passato ai visitatori facendo riferimento alla prossima Journée Swissmem. Prendete nota nella vostra agenda:

  • Journée Swissmem 2025: 24 gennaio 2025, Neuchâtel

È valsa la pena leggere questo articolo?

Ultimo aggiornamento: 02.02.2024